mercoledì 29 aprile 2009

Torta al profumo di mandorle



con questa dolce torta vi saluto! me ne vado per qualche giorno nella splendida toscana!!!!


a presto!!

Alzarmi la mattina per me è sempre dura, sarà perchè vado sempre a letto tardi o perchè sono una gran pigrona, comunque senza un caldo mini cappuccino con zucchero di canna e miele è impossibile iniziare la giornata

Durante la mia vacanza in Marocco il mio risveglio mattutino era accompagnato da un caldo caffè macchiato (una sorta di minicappuccino) e una dolce tortina, talmente buona che ho tentato di rifare per le mie prossime colazioni

Un guscio croccante, un ripieno di soffice pasta e una dolce copertura di mandorle

Ingredienti:
per la pasta frolla: 1 uovo, 250 gr farina 00, 100 gr zucchero, 100 gr zucchero, vanillina, buccia grattugiata di mezzo limone, un pizzico di sale

per il ripieno: 250 gr farina 00, 50 gr manitoba, 2 bicchieri di latte, 2 uova, 150 gr zucchero, 1 cucchiaio di olio, 1 bustina di lievito vanigliato per dolci, sale, 1/2 fialetta aroma di mandorle

per copertura: 30 gr mandorle a lamelle, miele di acacia


Pasta Frolla: impastare rapidamente gli ingredienti.
Della pasta preparata ne verrà utilizzata poca (con il resto preparo dei piccoli biscotti), quella che permetterà, stendendola sulla carta forno e sistemandola nella tortiera a bordi alti di ottenere un guscio sottile con i bordi.
Riporre la tortiera in frigo

Ripieno: montare le uova con lo zucchero.
In una ciotola setacciare le farine, aggiungere tutti gli ingredienti e amalgamare bene fino ad ottenere un composto morbido e cremoso

Riprendere la tortiera, versare nel guscio di pasta frolla il composto appena preparato ( facendo attenzione a far arrivare il ripieno poco oltre la metà del bordo della frolla)

Terminare con le mandorle a lamelle e con miele a volontà:)





Cuocere in forno riscaldato 190° per


mezz'ora statico e ultimi 10-15' ventilato (controllare la cottura con lo stecchino)

Sfornare, aggiungere altro miele in superficie e far raffreddare su di una griglia



Perfetta nel cappucino, da sola o magari ...

... con un tè marocchino

Con questa ricetta partecipo alla raccolta

giovedì 23 aprile 2009

Toscana ...




Questo tempaccio fa riaffiorare i miei ricordi di una breve vacanza nella meravigliosa Toscana, in Val d'Orcia, fatto proprio in questo periodo, qualche anno fa


Tre giorni immersi nelle meraviglie della natura, nello splendore dell'arte, negli antichi sapori.

Dolci colline, verdi distese, casolari,

file di vigneti, pievi, borghi, castelli, verdi cipressi si alternano, si fondono per regalare un paesaggio indimenticabile.
Base per le nostre escursioni giornaliere era una piccola casetta al centro di Pienza.


Pienza, gioiello rinascimentale, piccola e deliziosa
Passeggiare
per le vie dai romantici nomi



per le vie che regalano vedute della splendida valle


per Corso Rossellino, il corso principale
su cui si affacciano palazzi, botteghe ricche di prodotti tipici, primo fra tutti il buonissimo pecorino.

Per la cena il ristorante Dal Falco sempre pronto ad accoglierci per deliziarci con affettati (aromatica finocchiona, saporito prosciutto, salumi di cinghiale ...), crostini ( appetitoso impasto su fette di pane abbrustolite), formaggi, pici, pappardelle ...
Ci sono bellissimi ristoranti a Pienza ma arrivavamo sempre tardi per la cena e nn trovavamo mai posto!

L'antico borgo di Montalcino, domina la campagna circostante con le sue possenti mura difensive e la sua fortezza


Nella suggestiva fortezza si trova l'Enoteca la Fortezza per degustare ed acquistare il famoso Brunello, moltissimi altri vini e deliziosi prodotti come miele, olio ...


se si vuol godere un bel panorama si può percorrere il camminamento di ronda della fortezza
e passeggiare per le vie del paese



Lasciamo Montalcino e per la strada scorgiamo una suggestiva costruzione
la romanica Abbazia di Sant'Antimo

A pochi chilometri da Pienza, su di un colle Montepulciano, circondato da mura e fortificazioni.
Il centro storico si sviluppa lungo il corso principale che sale su per il colle fino ad arrivare alla sommità con lapiazza principale.
Entriamo nel centro storico da un'antica porta e l'incantevole borgo appare bellissimo con i suoi storici palazzi.



La Torre di Pulcinella con la famosa maschera che scandisce le ore.

Si continua a salire fino ad arrivare alla parte più alta del paese

Piazza Grande su cui si affacciano splendidi edifici: i palazzi, il duomo, il pozzo de' grifi e de' leoni



il palazzo comunale con la torre centrale e i bordi merlati ( ricorda Palazzo della Signoria a Firenze)

Cantine, grandi, antiche e suggestive regalano un profumo indimenticabile aprendo le loro porte ai visitatori che felici degustano in una cornice di altri tempi squisiti crostini, formaggi, vini, affettati, dolci ...

Visitiamo molte cantine


Pulcino, Azienda agrigola Gattavecchi con le grotte sotterranee, l'azienda agricola Ercolani con la suggestiva cantina sotterranea, la Cantina del Redi all'interno dello splendido palazzo Ricci ...

Una sosta a Bagno Vignoni, antico centro termale
l'atmosfera è indescrivibile, sembra di entrare in un mondo in cui il tempo nn esiste, complice il cielo cupo, la piazza o meglio la vasca colma di acqua sorgiva raccoglie intorno a se il piccolo borgo di case di pietra
Basta alzare lo sguardo e suggestivi scorci sono lì a far da cornice questo luogo incantato.


Siena per una romantica passeggiata ed una deliziosa cena

Ci lasciamo alle spalle la meravigliosa Toscana
arriverderci magnifica terra!!



Itinerario
Pienza
Montepulciano
Abbazia Sant'Antimo
Montalcino
Bagno Vignoni
Siena

Dove mangiare/comperare
Enoteca la Fortezza

Azienda agricola Gattavecchi

martedì 21 aprile 2009

Torta al cacao, cioccolato e nocciole .... e premio!!!

In questi giorni sembra proprio autunno!
il cielo grigio, la pioggia ...
ci vorrebbe un bel dolce cioccolatoso per coccolarsi un pò!!

Ingredienti
350 gr farina 00, 1 bustina di lievito per dolci, un pizzico di sale, 4 cucchiai di cacao
180 gr zucchero, 130 gr burro, 2 uova
50 gr cioccolato fondente, 50 gr cioccolato al latte, 50 gr cioccolato bianco, 25 gr nocciole
latte
zucchero a velo
panna montata


In una ciotola riunire la farina, il lievito, il sale e il cacao.

In un'altra ciotola montare le uova con lo zucchero ed aggiungere il burro fuso.

Unire i due composti. Amalgamare ed aggiungere il cioccolato e le nocciole a pezzi.
Terminare con il latte da aggiungere fino ad ottenere un composto morbido (1 - 2 bicchieri circa)

Sistemare il composto in tortiera rivestita con carta forno e cuocere in forno caldo a 180° per circa 40' ( fare sempre la prova stecchino)

Far raffreddare, spolverare di zucchero a velo
Per i più golosi servire con panna montata!



Per questo premio grazie mille a Lady Cocca e le sue amiche cuochine!!!!

domenica 19 aprile 2009

Premi e pastiera!

Che gioia ricevere premi!!!sopratutto quando a donarteli sono due fantastiche amiche!

due donne forti, meravigliose!!!!
grazie di cuore!!

questo dolce premio arriva dal mio tesoro, la carissima Lidia!!

Il modo migliore per festeggiare il suo dolce pensiero...
gustando la sua deliziosa, sublime PASTIERA

una meravigliosa ricetta che fa parte delle sue spledide ricette delle tradizione, quella tradizione piena di storia, di ricordi, di amore!

nn ho resistito e l'ho provata subito!
Un guscio dalla meravigliosa consistenza racchiude in se un dolcissimo ripieno: l'amaro del cioccolato, il forte dello strega, la morbidezza della ricotta, il grano, la dolcezza dello zucchero, il sapore particolare dei canditi, il mistero dell'acqua dei fiori di arancio, l'aroma della vaniglia.

Tanti diversi sapori che unendosi regalano un sapore unico ed indimenticabile


grazie mille Lidia!!



grazie mille Annamaria per questo bellissimo premio scintillante e solare
proprio come te!!


ora questi premi con una fetta di buonissima pastiera sono tutti per Voi!!

venerdì 17 aprile 2009

Tiramisù:)


Ecco la ricetta della mia ciofeca resa presentabile con un sobrio travestimento di dolce al cucchiaio:)
Ingredienti
per il tronchetto, o meglio per le briciole di tronchetto: 2 uova, 130 gr zucchero, 75 gr farina 00, 25 gr cacao, 20 gr olio, vanillina, 1/2 bustina di lievito per dolci, latte q.b.

per la crema: 500 gr mascarpone, 2 tuorli, 4-5 cucchiai di zucchero
caffè, sciroppo di amarene

Preparare la base montando le uova con lo zucchero, unire gli altri ingredienti e il latte per rendere il composto morbido.

Rivestire la lastra del forno con carta da forno, adagiare il composto e cuocere a 180° per 15'.


Preparare la farcia montando i tuorli con lo zucchero, unire al mascarpone amalgamando bene.

Nelle ciotoline comporre il dolce alternando strati di crema a briciole di tronchetto bagnate con il caffè.

Al momento di servire terminare con sciroppo di amarene.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di FrancescaV

mercoledì 15 aprile 2009

Ciofeca's Day

Sempre all’ultimo minuto!!!!

Avevo notato questa bellissima divertentissima Ciofeca’s day qualche settimana fa.
Non ci potevo credere! Avevo il mio disastro combinato fresco fresco di giornata!
Poi me ne sono proprio dimenticata!
Grazie a Lo spilucchino sono qui anch’io con la mia ciofeca!

Quello che soltanto le mura della mia cucina avrebbero visto
Quello che sarebbe rimasto un caso misteriosamente e segretamente insabbiato
Quello che nessuno avrebbe mai dovuto sapere
Quello che assumendo diversa identità sarebbe finito sulla tavola come un dolce al cucchiaio
Esce allo scoperto!!

Nn avrei mai pensato di fare un post su quel disastro che quel giorno mi rovinò la serata!

Quando il disastro si stavo compiendo sotto le mie mani impotenti, i miei occhi nn ci potevano credere, io nn ci potevo credere!!!

presa da una risata isterica ho finito quello che ormai stava succedendo: ho sbriciolato la creatura che si stava ribellando a me:)

All’inizio doveva essere un bel tronchetto felice, o almeno io dovevo essere felice nel preparare quel tronchetto ed invece

Tutto era andato bene, o almeno credevo.
Preparo l’impasto, metto in forno, sforno e arrotolo delicatamente in un canovaccio e metto via (come faccio sempre)
Nel frattempo preparo la farcia, golosissima mascarpone, uova, zucchero … pensavo di fare una sorta di tiramisù arrotolato!
Visto che in casa siamo tutti golosi di tiramisù saltellavo qua e là tutta soddisfatta, dicendo a tutti della mia idea e del buon dolce che ci aspettava

Inizio la delicata fase della srotolatura e ho come la sensazione che questa volta è diverso .. chissà!
La sensazione si trasforma in certezza, il rotolo si stava trasformando in tante strisce ben separate tra loro, ma questa separazione le faceva così soffrire che cercavano di riunirsi … sbriciolandosi!!!
Nooooo, e adesso! E adesso le aiuto io a riunirsi!
Primi momenti di sconforto misto a delusione, butto tutto! Ma si sentiva un dolce profumino, nn potevo buttar tutto, la farcia ormai era pronta e così ... un veloce travestimento trasforma l'impresentabile in un dolce al cucchiaio

Proprio la sera del disastro vedo il divertentissimo Ciofeca's day!

Ho pensato subito al mio tronchetto
Me ne vado in cucina a riordinare ed in un sacchetto vedo qualcosa di nn facile individuazione, che sarà?!
nn avrei mai pensato di scattar foto al mio disastro nella versione originale, sena alcun travestimento per renderlo presentabile ed invece ...
… i resti del mio disastro in esclusiva per voi!!!!!

Crostata di fragole


Un guscio di croccante pasta, un letto di morbida crema per rosse, dolci, profumate ... fragole!!


Ingredienti
per la pasta: 250 gr farina, 80 gr burro, una noce di strutto, 120 gr zucchero, 1 uovo, un pizzico di lievito per dolci, un pizzico di sale, latte q.b.

per la crema: 1 tuorlo, 1 uovo, 3 cucchiai di zucchero, 2 bicchieri di latte, 2 cucchiai scarsi di farina, vanillina

250 gr mascarpone
400 gr fragole
sciroppo di zucchero


Lavorare velocemente tutti gli ingredienti per la pasta fino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo. Avvolgere in pellicola e riporre in frigo per un'ora.

Preparare la crema montando le uova con lo zucchero, aggiungere la farina ed infine il latte e la vanillina. Cuocere girando continuamente. far raffreddare.

Riprendere la pasta, stendere su carta forno e sistemare in stampo per crostata (un pò di pasta potrebbe avanzare, dipende dalle dimensioni dello stampo). Coprire con carta forno e con fagioli
Cuocere in forno a 180° per 10-15 minuti, nn deve cuocere troppo.

In un recipiente ammorbidire il mascarpone lavorandolo con una forchetta.
Aggiungere la crema ed amalgamare bene.

Adagiare il guscio di pasta sul piatto da servizio, riempire con la farcia di crema e mascarpone. Poco prima di servire sistemare le fragole appena tagliate terminando con sciroppo di zucchero.




martedì 7 aprile 2009

Aiutiamoli!

Per volontari addestrati: 3270499293.
Per viveri, coperte, medicinale o altro: 800.860.146 oppure 06.68208.
Chiunque avesse una struttura alberghiera in Abruzzo in grado di ospitare: 0854308309

dal blog Francescav.com

per trovare posti letto, chiunque abbia disponibilità di alloggi contatti:
email:
organizzazione@udu.it
Tel: 06.43411763

...
dal blog Un filo d'erba cipollina


La terra ha tremato
E con essa il cuore di migliaia di persone
Mi ero svegliata da pochi minuti, ero seduta sul letto, luce accesa, tv accesa, nn riuscendo a dormire
Dopo un po’ mi sembra di sentire il letto vibrare, nn capisco cosa sia, poi tutto si muove molto più chiaramente, terrorizzata penso, il terremoto!!interminabili secondi di paura!
Nn ho mai sentito una scossa tanto forte!!
Il terrore si impossessa di me, inizio a cercare in tv qualche notizia sull’accaduto, ma niente!!
Cerco di calmarmi ma il pensiero ritorna a quei secondi e inizio a pensare dove sia l’epicentro, cosa possa esser successo altrove
E dopo qualche ora l’atroce notizia!
Il tremore della terra che ho sentito, la paura che ho provato nn sono niente paragonati a quello che hanno sentito migliaia di persone
nn riesco a smettere di pensarci, di pensare a loro, al loro strazio, al loro dolore, alla loro disperazione!
6 aprile 2009


Aiutiamoli!!!

sabato 4 aprile 2009

Treccia di Pasqua


Per addolcire le prossime colazioni una morbida treccia



Ingredienti:
200 gr. Farina 00, 300 gr manitoba, 1 cubetto lievito di birra, 30 gr. miele, 50 gr. burro, 120 gr. Zucchero, 2 uova, 150 gr latte, un pizzico di sale, 100 gr. Burro
copertura: 100 gr acqua, 150-200 di zucchero ( molto approssimativo! ho lasciato a mia mamma il compito di terminare questa sorta di glassa, per cui un pò a occhio).
granella di zucchero


Sciogliere il lievito il miele e un pò di zucchero nel latte tiepido.
In una ciotola farina al centro aggiungere il latte in cui si sono sciolti il lievito, miele e zucchero e iniziare ad impastare, aggiungere il restante zucchero, 50 gr. Burro a pezzetti, pizzico di sale e le uova montate. Lavorare una ventina di minuti e far lievitare almeno due ore in luogo caldo.
Riporre mezz'ora in frigo.

Stendere la pasta su piano infarinato, porre al centro 100 gr di burro a pezzetti, chiudere il burro nella pasta e stendere con il mattarello, ripiegare e stendere di nuovo, ripetendo l’operazione diverse volte.

Far riposare

Riprendere la pasta e dividerla in tre parti uguali, formare tre lunghe striscie.
Intrecciarle tra loro e formare un cerchio dando la forma di una ciambella.
Sistemare in uno stampo con il buco imburrato ed infarinato e far lievitare un’ oretta.

Nel frattempo preparare la copertura scaldando acqua e zucchero fino ad ottenere uno sciroppo denso.

Riprendere la treccia, spennelare con latte e coprire con granella di zucchero.
Cuocere in forno a 180° per 35/40 minuti o cmq fino a doratura.

Sfornare, far fermare un pò, togliere da stampo e spennellare con sciroppo di zucchero, far raffreddare su una gratella per dolci o su carta paglia.



venerdì 3 aprile 2009

Bocconcini di salmone alla soia e rucola


Questo è uno piatti preferiti del mio amore
nn poteva mancare nel menù della cena che ho preparato a San Valentino

Un piatto con pochissimi ingredienti, dalla cottura semplice e veloce, per gustare teneri e gustosissimi bocconcini che si sciolgono in bocca!!

Ingredienti:
trancio di salmone da 500 gr
salsa di soia
rucola
Aprire a metà il trancio di salmone, togliere la pelle e le spine
tagliare a dadini nn troppo piccoli.

In una pentola antiaderente versare 8-10 cucchiai di salsa di soia, far riscaldare.
Adagiare delicatamente i bocconcini, cuocere per circa 1 minuto ( se si preferiscono più cotti prolungare la cottura) girandoli su tutti i lati per far insaporire.

Servire caldi su di un letto di rucola



Accompagnati da croccanti grissini al sesamo e pepe sono ancora più buoni!!!



Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Le pappe di Alessandra